Fotografia del XXI secolo

Federico Napoli


Immagine

Giunta alla XIII edizione, “Seravezza Fotografia” conferma la propria vitalità varando un cartellone di iniziative distribuito nell’arco di quasi due mesi e mezzo. Evento centrale è la retrospettiva del fotografo modenese Franco Fontana ospitato nelle sale del Palazzo Mediceo e titolata “Full color. Polaroid e astrazioni architettoniche”. Nato fotografo negli Anni Sessanta, per passione divenuto propugnatore e pioniere del colore, Fontana è stato negli anni organizzatore di meeting, direttore di festival, collaboratore di riviste, conduttore di workshop, nel frattempo approdando ad una personalissima forma fotografica sintetica e comunicativa. La serie di foto a colori della prima metà degli Anni Settanta scattate in Puglia porta l’autore ad un paesaggio ridotto sempre più alle sue linee essenziali, lungo un percorso astrattivo, ove alla fine ciò che resta dell’oggetto è il colore, distribuito in campiture orizzontali, senza sfumature, piatte e brillanti, idealmente protese al collage, tendenza questa che negli ultimi anni si è fatta successivamente più evidente. Dunque, mai una foto di istinto, ma sempre costruita e studiata, elaborata, con un effetto finale quasi pittorico.
Nella mostra di Seravezza, il centro versiliese divenuto negli anni un luogo di richiamo per l’arte fotografica, Fontana presenta anche altri momenti della propria cinquantennale vita artistica fino a quelli più recenti, dai paesaggi urbani ai nudi e alle piscine degli Anni Ottanta o dai medesimi anni l’uso della Polaroid, tecnica semplice ma egualmente manipolata razionalmente: ovunque la produzione di questo artista dello scatto e del colore prende il linguaggio dell’arte astratta, echeggiando con libertà creativa, ma studiate composizioni, ora il Razionalismo, ora il Surrealismo, la Pop, infine (ma non ultime) le forme impaginative della grafica pubblicitaria: un colore è un’emozione, è una forma relazionale, una teoria (fattasi pratica) di percezione visiva. In Fontana non è mai lo scatto che brucia l’istante, ma è l’istante che si fa forma compiuta, anzi colore definito, perché è solo quest’ultimo che realmente delinea la forma.
La mostra di Seravezza è curata da Denis Curti ed è accompagnata da una collettiva del Gruppo Allievi Fontana (ospitata presso le Scuderie granducali) e da un workshop curato dallo stesso artista. Ma attorno a queste iniziative che animano la XIII edizione, fino al 10 aprile ruota una serie di manifestazioni definibili solo erroneamente come collaterali, organizzate dalla Fondazione Terre Medicee, dal locale Assessorato alla Cultura, con il patrocinio della Fiaf e distribuite in sedi diverse: una serie di esposizioni presso le Scuderie granducali (Giacomo Donati con mostra e workshop alla “Casa Giovani”; collettive del Circolo Fotografico Iperfocale e del Circolo Fotografico L’Altissimo, Portfolio di Carlo Ciappi e Marcello Ricci), tra le quali segnaliamo “Tracce”, mostra fotografica dei ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Seravezza. Inoltre: personale di Jeannie Albert a “La Bottega” di Marina di Pietrasanta, foto di Roberto Mari a “UNA Hotel Versilia” di Lido di Camaiore, presenza di Alex Piperno e Silvia Potenza alla galleria “Open One” di Pietrasanta,
Insomma, un vasto e articolato programma di iniziative nell’ambito di “Seravezza Fotografia” edizione 2016, diretta da Ivo Balderi.

XIII edizione Seravezza Fotografia
“Full color. Polaroid
e astrazioni architettoniche”
di Franco Fontana
Palazzo Mediceo, Seravezza
Fino al 10 aprile

http://www.seravezzafotografia.it/eventi/101.html

In Evidenza

Si informano i lettori di Toscana Medica che sarà di prossima pubblicazione un forum dal titolo “LA FRAGILITA’ OSSEA: UN PROBLEMA CHE POSSIAMO AFFRONTARE MEGLIO”. Si ringrazia la

lilly

per il proprio contributo non condizionante.

Invia un articolo

INVIA UN ARTICOLO

Scarica PDFSCARICA LA VERSIONE PDF DEI BOLLETTINI MENSILI

CERCA ARTICOLI

newsACCEDI AL NOTIZIARIO

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.