Un regalo della Befana

Aldo Fusi  Medico chirurgo Barberino di Mugello.


È la vigilia della Befana 1980.
Alle 5 viene da me la Sig.ra Teresa, anni 40, portalettere, convivente con un elettricista che io conosco.
“Signora, mi dica”,
“Da oggi, soprattutto da questa mattina, sento lo stimolo di spingere. Ho pensato di avere le emorroidi”.
“Signora, per vedere le emorroidi bisogna vederle”.
Erano gli anni in cui le donne avevano dei cappotti e dei vestiti lunghi fino alle caviglie.
“Tolga il cappotto”.
Lo mette sulla sedia ed io vedo uno spettacolo che non mi sarei aspettato.
Aveva un addome teso e globoso, come si hanno nelle gravidanze a termine.
“Signora lei mi parla delle emorroidi e non mi dice niente di questa novità?”
“Già in questi due ultimi mesi mi è cresciuta tantissimo questa pancia”.
Faccio un’altra cosa: prendo il fonendoscopio, lo posiziono sull’addome e alla fine trovo un battito vivo e vitale.
“Signora, per conto mio lei è in gravidanza: non solo in gravidanza ma in gravidanza a termine. Quelle contrazioni che sentiva sono contrazioni dell’utero”.
“È successo questo: lei mi dice che è in menopausa: lei è in menopausa da nove mesi a questa parte: In questi nove mesi non ha fatto niente? Esami delle urine, del sangue, una visita dall’ostetrica?”
“Essendo una dipendente pubblica poteva rimanere a casa pagata dal settimo mese di gravidanza in poi”.
“Ora mi risponda a questa domanda: lei se la sente, dopo aver saputo tutte queste novità, di andare a casa da sola? E poi che dice Giancarlo di questa faccenda?”
“Giancarlo non sa niente”.
Decide di andare da sola a casa.
Dopo dieci minuti telefono a casa a Giancarlo e domando:
“Giancarlo ti ha detto qualcosa?”.
“Mi ha detto di andare all’ospedale. Io ho una grande fiducia in lei dottore e se si deve portare all’ospedale la porto all’ospedale”:
Alle 21 telefono all’ospedale e chiedo di parlare con un ginecologo che mi dice:
“Anche noi ci siamo meravigliati per il comportamento di questa signora. Comunque gli esami del sangue e delle orine sono in corso, la pressione è buona e per conto mio partorisce stanotte. Sono io di guardia”.
La mattina dopo alle dieci mi telefona.
“Tutto è andato benissimo. Una bambina di 3,8 Kilogrammi”.
“Il babbo dov’è?”
“Il babbo è in farmacia per comprare un po’ di indumenti a questa bambina che non aveva nulla”.
E poi dicono che la Befana porta il carbone.
Non è vero. A questi bravi genitori la Befana ha portato una sorpresa e una bambina.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.