Quota B

Quota B, perché è passata all’8,25% per convenzionati ed extramoenia. La risposta del presidente di ENPAM

Perché l’aliquota ridotta di Quota B è passata dal 2% all’8,25% per gli iscritti ad altre gestioni previdenziali come i medici convenzionati e per chi fa attività in extramoenia?

Cari colleghi, come noto, con la riforma del 2012 abbiamo dovuto dimostrare dei requisiti di sostenibilità che ci sono stati imposti dalla legge e che erano notevolmente diversi rispetto alle regole di ingaggio date al momento della privatizzazione.

Raggiungere l’obiettivo ci ha richiesto aumenti sia dell’età pensionabile sia delle aliquote contributive in tutte le gestioni previdenziali. Per quanto riguarda la Quota B stiamo passando progressivamente dal 12,50% pre-riforma al 19,50% a regime (sui redditi 2020). Oggi siamo al 16,50%. La nostra autonomia, violata nella misura in cui la legge ha richiesto buchi nella cintura non necessari, ci ha consentito quantomeno di mantenere prelievi più contenuti rispetto alla Gestione separata dell’Inps, che già oggi impone ai liberi professionisti un’aliquota ordinaria del 25,72% (con tendenza a salire fino al 33,72%) e un’aliquota ridotta del 24%.

In casa Enpam per quanto riguarda la differenza fra aliquota intera e ridotta, la situazione pre-riforma era la seguente: liberi professionisti puri = 12,5%; pensionati e iscritti ad altre gestioni = 2%. La forchetta di partenza era quindi di dieci punti percentuali tra l’aliquota minima e quella massima. Da subito una legge ci ha imposto di portare l’aliquota dei pensionati a metà dell’aliquota intera (cioè, a oggi, l’8,25%). La categoria, che trova espressione nel Comitato consultivo della Quota B, prendendo atto di questo e del fatto che il progressivo aumento dell’aliquota ordinaria stava allargando la forchetta tra minimo e massimo, ha ritenuto che, per evitare effetti distorsivi, anche la contribuzione ridotta degli iscritti alle altre gestioni dovesse corrispondere a metà dell’aliquota ordinaria, analogamente ai pensionati. Così facendo, a regime, la differenza fra l’aliquota intera e quella ridotta (19,50 e 9,75%) tornerà a essere di circa dieci punti percentuali, come prima della riforma. È il caso di sottolineare che passare dal 2% a metà dell’aliquota intera comporta anche un vantaggio in termini di adeguatezza della pensione, che salirà in proporzione a quanto versato e con parametri più vantaggiosi rispetto a quelli dell’Inps. Inoltre i contributi sono totalmente deducibili, quindi una parte consistente di quanto versato verrà recuperato dalle tasse.

Alberto Oliveti, Presidente Fondazione Enpam

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.