Morbillo

Nel rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità la situazione del morbillo in Italia

I dati epidemiologici dell’Istituto Superiore di Sanità riportano che in Italia dal 1 gennaio al 31 agosto 2018  sono stati riscontrati 2.248 casi di morbillo, il cui 88.5% si è verificato in Sicilia (1116 casi), Lazio (230), Calabria (172), Campania (164), Lombardia (148), Emilia Romagna (88) e Toscana (72). In Sicilia si sono anche verificati due decessi (soggetti adulti non vaccinati) che hanno portato a 10 le morti per morbillo dall’inizio del 2017nel nostro Paese. L’età mediana dei pazienti è stata di 25 anni con 429 bambini di età inferiore ai 5 anni dei quali 138 al di sotto dei 12 mesi di vita. Al momento del contagio una percentuale significativa di soggetti (91,1%) risultava non vaccinata, mentre il 5,5% dichiarava di avere ricevuto una sola dose di vaccino.

Almeno una complicanza si è manifestata nel 48,9% dei soggetti colpiti (stomatite, diarrea, cheratocongiuntivite, epatite, polmonite, laringotracheobronchite, insufficienza respiratoria) e il 59,4% della totalità della popolazione interessata ha avuto necessità del ricovero in ospedale.

Dato da non trascurare: nel periodo preso in esame l’ISS ha registrato il contagio di 98 operatori sanitari con una percentuale di complicanze del 53,1% (52 casi). Dal 2013 i casi di morbillo segnalati in Italia sono stati complessivamente 12.740.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.