Il nuovo target del Chronic Care Model: il passaggio dall’approccio per patologia alla gestione del paziente complesso

Chiara Capanni, Medico di Continuità Assistenziale, zona Sud-Est.

Vittorio Boscherini, Medico di Medicina Generale, tutor (relatore)

Giuseppe Burgio, Medico di Medicina Generale, Coordinatore CFSMG Classe anni 2012-15

 

Chiara CapanniIl Chronic Care Model nasce come nuovo modello di assistenza nell’approccio alle malattie croniche, volto ad ottenere il tanto auspicato passaggio dalla Medicina d’attesa alla Medicina di Iniziativa: propone una serie di cambiamenti a livello dei Sistemi Sanitari così da migliorare le condizioni dei malati cronici e la gestione delle risorse economiche e di comunità.
Le sue qualità ed efficacia si basano sull’interazione costante tra personale sanitario, pazienti e familiari, nonché su un’educazione della Società stessa alla Tutela e Promozione della Salute.
Il Chronic Care Model fino ad ora è stato rivolto a precise malattie croniche; è stato basato su un approccio integrato al fine di superare la frammentazione tra gli interventi effettuati da operatori diversi, in tempi e spazi diversi, ma che coinvolgono lo stesso assistito per lo stesso problema, con quest’ultimo che diventa parte attiva nel processo assistenziale.
Inoltre è stato incentrato sulle 5 patologie croniche i cui pazienti affetti sono risultati essere i maggior consumatori di risorse e i più bisognosi di approcci diagnostico-terapeutici da parte sia del medico di medicina generale che dei vari specialisti. Il paziente è noto al sistema, ed essendo nota la storia naturale della malattia si possono prevedere gli interventi necessari, le possibili condizioni di rischio per una complicanza o un peggioramento e più in generale le condizioni sociali ed economiche che possono interagire sullo stato di salute.
Dopo l’iniziale fase in cui sono stati creati moduli di MMG, la Medicina d’Iniziativa è stata sperimentata su pazienti affetti da 4 delle 5 previste patologie. Nel 2013 è partita la riorganizzazione della Medicina Generale Toscana con la creazione delle AFT, alle quali sono passate le competenze della gestione del Chronic Care Model e da allora fino alla fine del 2014 circa il 60% dei medici di medicina generale toscani è entrato a far parte della Medicina di Iniziativa.
Nella prima fase, triennio 2010-2013, sono stati estrapolati i risultati considerando gli obiettivi specifici di:
1. adesione alle raccomandazioni cliniche
2. specifiche terapie raccomandate e/o controllo di fattori di rischio di recidiva e/o di danno d’organo
3. consumo (numero prestazioni) e costo (valorizzazione tariffaria) pro capite
4. accesso al pronto soccorso e ospedalizzazione.

Chronic Care Model Figura 1
È emerso che i pazienti hanno ricevuto cure più appropriate e la sopravvivenza è aumentata, ma è aumentato anche il consumo delle risorse e il numero dei ricoveri ospedalieri, tutto ciò determinato dalla mancanza a livello territoriale di servizi in grado di risolvere i problemi assistenziali emersi.
Quindi è stato deciso di cambiare target dei pazienti su cui applicare la Medicina di Iniziativa, ed è stato ritenuto opportuno un adeguamento ed una revisione progettuale, passando da un modello a canne d’organo ad un percorso integrato che prenda in esame la persona nella sua complessità di malattie intercorrenti, storia personale e situazione sociale.
Ecco quindi che la struttura del Chronic Care Model cambia e non ci troviamo più a parlare di moduli e nemmeno di “registri per patologia”, ma si introduce il concetto di “Target”. Con questo termine si intendono quelle stratificazioni della popolazione effettuate in base al rischio, comorbilità e livelli assistenziali necessari.
TARGET A: assistiti complessi, ad alto consumo di prestazioni sanitarie e ad alto rischio di eventi avversi e ricoveri. Gruppo costituito dal 3% degli assistiti, con una media di circa 30/40 pazienti per medico di medicina generale; alto consumo di prestazioni e rischio di ospedalizzazioni ripetute pari a circa 10 volte quello della popolazione generale. Qualunque patologia cronica complessa o già complicata.
TARGET B: gli assistiti con alto rischio cardiovascolare. Le malattie cardiovascolari rappresentano le principali cause di morbosità e mortalità prematura in Europa, la riduzione del carico di malattia attribuibile a queste condizioni rappresenta una grande priorità di sanità pubblica. Ciò può essere ottenuto, oltre che con le cure appropriate, anche attraverso attività di prevenzione indirizzate all’intera popolazione o ai gruppi ad alto rischio.
TARGET C: gli assistiti con basso rischio cardiovascolare e/o basso rischio di evoluzione della condizione cronica. Per questo sottogruppo di persone è necessario sviluppare un sistema di supporto all’autogestione. Mentre per la popolazione in senso lato, occorre sviluppare azioni tendenti a migliorare la qualità della vita (attività motoria, alimentazione, potus, fumo) ovvero promuovere più corretti stili di vita.

Chronic Care Model Figura 2
L’obiettivo è quello di facilitare la costruzione di una rete che sviluppi a vari livelli – Regione, ASL, Zona Distretto – interventi di promozione alla salute e dei suoi determinanti, con la eventuale partecipazione di Comuni, Scuola, Imprese, Organizzazioni di Volontariato, ecc.
Qui sta l’essenza del cambiamento: non più l’attenzione alla patologia, ma all’assistito in quanto persona.
Nella consapevolezza che il problema della sopravvivenza di un SSN equo e universale è legata alla sua sostenibilità, incidere su questo target di popolazione che assorbe impropriamente risorse può contribuire a mantenere in Italia un SSN in grado di erogare le prestazioni necessarie a tutta la popolazione che ne necessita, sottolineando il fatto che non è più possibile trascurare l’educazione sanitaria della popolazione sana.

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In Evidenza

Si informano i lettori di Toscana Medica che sarà di prossima pubblicazione un forum dal titolo “LA FRAGILITA’ OSSEA: UN PROBLEMA CHE POSSIAMO AFFRONTARE MEGLIO”. Si ringrazia la

lilly

per il proprio contributo non condizionante.

Invia un articolo

INVIA UN ARTICOLO

Scarica PDFSCARICA LA VERSIONE PDF DEI BOLLETTINI MENSILI

CERCA ARTICOLI

newsACCEDI AL NOTIZIARIO

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.