L’abitudine al FUMO in Toscana I dati del sistema di sorveglianza PASSI 2012-2015

Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia

MADDALENA GRAZZINI, già specialista in Medicina Interna, attualmente medico in formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva. Sta svolgendo un tirocinio formativo presso il Dipartimento di Prevenzione dell’ex-Azienda Sanitaria di Firenze.

La scheda presenta i dati dell’indagine PASSI sull’abitudine al fumo di sigaretta nella popolazione della Regione Toscana relativamente agli anni 2012-2015; i dati confermano una prevalenza di fumatori più alta nel genere maschile e nelle fasce di età più giovani. Vengono inoltre presentati i risultati dell’indagine riguardo l’aderenza al divieto di fumo nei luoghi pubblici e nei luoghi di lavoro: la percezione del rispetto di tale divieto risulta elevata; al contrario l’esposizione al fumo passivo all’interno delle abitazioni appare ancora presente.


Parole chiave: abitudine al fumo, rispetto del divieto di fumo, PASSI 2012-2015, Regione Toscana

 

L’abitudine al fumo di sigaretta
 
Maddalena GrazziniSecondo i dati 2012-2015 del sistema di sorveglianza PASSI, in Regione Toscana il 27% degli adulti 18-69 anni fuma sigarette1. Il 20% è invece ex fumatore2 e il 53% non ha mai fumato3. La percentuale di fumatori a livello regionale è sostanzialmente in linea con quello del ­pool di Asl Passi (27%), ed è calata nel tempo passando dal 30% del 2008 al 26% nel 2015 (Figura 1, Figura 2).

 

 

Figura 1 2


L’abitudine al fumo risulta negli uomini pari al 30% mentre nelle donne pari al 24%; è più elevata nei 25-34enni (33%), nelle persone con una scolarità media-inferiore (33%) e in quelle con molte difficoltà economiche riferite (38%). Il numero di sigarette fumate in media al giorno è pari a 12. Il 2% risulta essere un fumatore occasionale (meno di una sigaretta al giorno) (Tabella 1).

tabella 1


L’atteggiamento degli operatori sanitari
Tra gli intervistati che negli ultimi 12 mesi hanno avuto un contatto con un operatore sanitario, a 4 su 10 è stato chiesto se fumano. Tra i fumatori intervistati nel periodo 2012-2015, il 53% ha ricevuto il consiglio di smettere. Nella maggior parte dei casi il consiglio è stato dato a scopo preventivo (22,8%) (Figura 3).

Figura 3
 
Smettere di fumare
Tra chi fumava nei 12 mesi precedenti l’intervista, il 34,6% ha tentato di smettere e di questi, il 79,4% ha fallito (fumava al momento dell’intervista), il 10,1% stava ancora tentando di smettere (non fumava al momento dell’intervista, ma aveva smesso da meno di 6 mesi), mentre il 10,5% è riuscito a smettere (non fumava al momento dell’intervista e aveva smesso da oltre 6 mesi e meno di un anno) (Figura 4).

Figura 4
Tra le persone che hanno tentato di smettere di fumare nell’ultimo anno, indipendentemente dall’esito del tentativo, il 91,9% l’ha fatto da solo, il 2,8% ha fatto uso di farmaci e l’1,8% ha partecipato a incontri o corsi organizzati dalle ASL.
 
Il rispetto del divieto di fumo nei luoghi pubblici e nei luoghi di lavoro
Il 92.1% degli intervistati ha riferito che il divieto di fumo nei luoghi pubblici è sempre/quasi sempre rispettato (conformemente alla legge).
Tra i lavoratori intervistati, circa il 92.4% ha dichiarato che il divieto di fumare nel luogo di lavoro è rispettato sempre/quasi sempre (Figura 5).
 
Fumo in casa
Circa il 22.6% degli intervistati dichiara che nella propria abitazione è permesso fumare (nel 17.6% limitatamente ad alcune stanze o situazioni e nel 5% ovunque) (Figura 5).

Figura 5
Il divieto assoluto di fumare in casa è maggiore in presenza di minori di 15 anni: l’astensione dal fumo infatti è più alta nelle case in cui vive un bambino fino a 14 anni compresi, tuttavia in circa il 13% di queste case il fumo non è ancora stato completamente bandito dall’ambiente domestico.  


Spunti per l’azione
In Toscana, più di un adulto su quattro riferisce di essere un fumatore; tale percentuale risulta essere particolarmente elevata nelle classi di età più giovani, in particolare nei 25-34enni.
Soltanto un fumatore su due ha ricevuto il consiglio di smettere da parte di un medico, ciò dimostra che il livello di attenzione degli operatori sanitari è ancora da migliorare.
Per quanto riguarda il fumo nei luoghi pubblici e sul posto di lavoro, la percezione del rispetto della legge sul divieto di fumo risulta elevata, al contrario l’esposizione al fumo passivo all’interno delle abitazioni appare ancora presente.

Che cos’è il sistema di sorveglianza PASSI?
PASSI (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia) è un sistema di sorveglianza della popolazione adulta. L’obiettivo è stimare la frequenza e l’evoluzione dei fattori di rischio per la salute, legati ai comportamenti individuali, oltre alla diffusione delle misure di prevenzione. Tutte le 21 Regioni o Province Autonome hanno aderito al progetto. Un campione di residenti di età compresa tra 18 e 69 anni viene estratto con metodo casuale dagli elenchi delle anagrafi sanitarie. Personale delle Asl, specificamente formato, effettua interviste telefoniche (circa 25 al mese per Asl) con un questionario standardizzato. I dati vengono poi trasmessi in forma anonima via internet e registrati in un archivio unico nazionale. Nel periodo 2012-2015 nella Regione Toscana sono state realizzate 16.036 interviste.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.epicentro.iss.it/passi.

NOTE

1 Fumatore: persona che ha fumato più di 100 ­sigarette nella sua vita e che fuma tuttora o che ha smesso di fumare da meno di sei mesi.

2 Ex fumatore: soggetto che attualmente non fuma e che ha smesso da oltre 6 mesi.

3 Non fumatore: soggetto che dichiara di non aver mai fumato o di aver fumato meno di 100 sigarette nella sua vita e che attualmente non fuma.

In Evidenza

Si informano i lettori di Toscana Medica che sarà di prossima pubblicazione un forum dal titolo “LA FRAGILITA’ OSSEA: UN PROBLEMA CHE POSSIAMO AFFRONTARE MEGLIO”. Si ringrazia la

lilly

per il proprio contributo non condizionante.

Invia un articolo

INVIA UN ARTICOLO

Scarica PDFSCARICA LA VERSIONE PDF DEI BOLLETTINI MENSILI

CERCA ARTICOLI

newsACCEDI AL NOTIZIARIO

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.