Farmaci BPCO

Farmaci per la BPCO: opportunità della doppia associazione LABA/LAMA

 

Saffi GiustiniSaffi Giustini, Medico di medicina generale, ASL Toscana Centro; SIMG Firenze

 

 

 

Franco Laghi Pasini, Professore ordinario di Medicina Interna dell’Università di Siena; Commissione Terapeutica Regione Toscana

 

La BPCO rappresenta una condizione di frequente riscontro in medicina generale. Le linee guida GOLD 2017 dimostrano l’efficacia delle associazioni terapeutiche rispetto alla monoterapia.

 

Parole chiave: BPCO, linee guida, GOLD 2017, associazione LABA/LAMA

 


Le linee guida GOLD 2017 suggeriscono l’impiego della doppia broncodilatazione (LABA/LAMA) come trattamento da preferire in una larga popolazione di pazienti con BPCO, intanto sulla base della evidenza di una maggiore broncodilatazione, associata a una riduzione del rischio di eventi avversi connessi all’incremento posologico di un singolo broncodilatatore. D’altra parte è noto come gli episodi di riacutizzazione nei pazienti con BPCO determinino una accelerazione nel declino della funzione respiratoria, un peggioramento delle qualità di vita e un aumento della mortalità. Quindi la prevenzione delle riacutizzazioni rappresenta un punto chiave nella gestione di tali pazienti. A questo proposito i broncodilatatori a lunga durata d’azione, in particolare i LAMA, hanno documentato non solo di controllare i sintomi (e di migliorare la qualità di vita), ma anche di prevenire le riacutizzazioni. Diversi studi dimostrano che anche gli steroidi inalatori, in associazione con i LABA, possiedono un tale effetto.

In particolare un importante lavoro pubblicato nel settembre 2016 sul New England Journal of Medicine da parte di Vestbo J et al. del gruppo Salford Lung Study Investigators ha accertato l’efficacia di una associazione LABA/ICS (Vilanterolo/Fluticasone furoato) nel ridurre la frequenza di riacutizzazioni rispetto alla terapia usuale prescritta dal medico di medicina generale in un’ampia coorte di pazienti con storia pregressa di episodi di riacutizzazione. Gli autori sottolineano come tale effetto non si associ a un aumento del rischio di eventi avversi severi, in particolare di polmoniti. Tuttavia la maggior parte della letteratura concorda sul fatto che l’uso a lungo termine di steroidi inalatori è associato a un significativo rischio di sviluppare polmoniti o altri effetti collaterali dose-dipendenti.

Un trial condotto da Wedzicha JA et al. (Am J Resp Crit Care Med 2008) ha confrontato una associazione LABA/ICS (Salmeterolo/Fluticasone propionato) in dosi fisse con un LAMA (tiotropio), dimostrando che i due trattamenti avevano effetti simili sulla frequenza di riacutizzazioni (Studio Inspire). Gli stessi autori hanno successivamente rilevato che, in pazienti grado GOLD 3 o 4, con uno o più episodi acuti nell’anno precedente, l’associazione LABA/LAMA (Indacaterolo /Glicopirronio) era superiore ai singoli LAMA (Glicopirronio o Tiotropio) nel prevenire le esacerbazioni (Studio Spark).

Un ulteriore rilevante contributo a supporto del ruolo centrale dell’associazione LABA/LAMA nel trattamento della BPCO è venuto dai risultati dello Studio FLAME (N Engl J Med 2016), nel quale l’associazione Indacaterolo/Glicopirronio si è dimostrata superiore a Salmeterolo/Fluticasone nel prevenire le riacutizzazioni in pazienti ad alto rischio.

In conclusione le ragioni che hanno supportato l’indicazione all’impiego preferenziale dell’associazione LABA/LAMA in un’ampia popolazione di pazienti BPCO (classi C-D) sono così riassumibili:

  • l’associazione LABA/LAMA è in grado di migliorare la funzione respiratoria (l’entità della bronco dilatazione) rispetto alla singola monoterapia;
  • i LAMA sono in grado di ridurre la frequenza di esacerbazioni, ma l’associazione LABA/LAMA è più efficace;
  • l’associazione LABA/ICS è in grado di ridurre la frequenza degli episodi di riacutizzazione, ma l’associazione LABA/LAMA (Indacaterolo/Glicopirronio) in singola somministrazione è superiore all’associazione LABA/ICS (Salmeterolo/Fluticasone) in doppia somministrazione quotidiana;
  • l’associazione LABA/LAMA rispetto all’associazione LABA/ICS presenta un miglior profilo di rischio in particolare per quanto riguarda il rischio di polmoniti, soprattutto nei pazienti con BPCO severa.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.