Giornata di studio: i problemi dei professionisti nella transizione delle aziende del Sistema Sanitario Toscano

Laura Belloni, Direttore SODC Clinica delle Organizzazioni, Staff Direzione Aziendale, 

AOU Careggi.
Resp. del Centro di Riferimento Reg.le sulle Criticità Relazionali,
Staff della Direzione Generale.


Servizio Sanitario della Regione toscanaIl CSR ha recentemente organizzato una giornata di studio intitolata “I problemi dei professionisti nella transizione delle aziende del Sistema Sanitario Toscano” con l’obiettivo di porre all’attenzione generale il disagio espresso dai professionisti, ricondotto ad una molteplicità di fattori, tra questi: burocrazia, richieste pressanti, esplosione della domanda di salute, predominio tecnologico, turni di lavoro pesanti, blocchi contrattuali, difficoltà del turn over. Viene sostenuta, pertanto, l’esigenza di promuovere una riflessione congiunta su questi temi, propedeutica all’individuazione di interventi di diversa natura, politici e professionali, che perseguano in modo deciso e costante il benessere e la valorizzazione di quelle risorse che costituiscono le fondamenta del Sistema Sanitario Toscano.

Alla giornata di studio hanno partecipato rappresentanti della Sanità Toscana con l’obiettivo di contribuire ad una migliore analisi e definizione dei problemi espressi dai professionisti. Dal confronto è emerso un quadro di profondo cambiamento, che sembra riguardare trasversalmente ruoli professionali, realtà organizzative, percorsi e processi del mondo sanitario che comportano inevitabilmente conseguenze a diversi livelli, spesso generando disagio, confusione e incertezza. Gli ambiti di esercizio di alcune professioni, più di altre, sembrano essersi modificati conseguentemente all’introduzione di altre figure comportando con ciò una definizione o ridefinizione delle identità professionali e delle necessarie modalità di integrazione. L’innovazione, sia strumentale che organizzativa, fatica a trovare adeguata e coerente applicazione all’interno delle diverse realtà sanitarie, elicitando resistenze e vissuti di estraneità nei professionisti. Sembra emergere la convinzione secondo la quale la forte contrazione economica degli ultimi anni abbia comportato una profonda revisione nel sistema di distribuzione delle risorse, ispirata al principio dell’ottimizzazione e dell’appropriatezza della spesa, sollevando questioni attinenti all’universalità e all’equità delle cure e, conseguentemente, disorientamento circa la finalità ultima che i professionisti sentono di perseguire attraverso l’erogazione dei servizi.
Seppure quanto citato venga espresso come riconducibile ad una varietà e molteplicità di ambiti, ogni elemento sembra concorrere alla genesi di vissuti di insicurezza e incertezza tipici dei grandi cambiamenti ed evoluzioni, che non si esauriscono nella complessità del sistema sanitario ma che probabilmente sono espressione di un cambiamento di più ampio respiro che coinvolge le comunità nelle quali siamo inseriti.

Prendere atto di questa trasformazione è forse ciò che consente di modificare quegli assetti organizzativi e istituzionali non più pienamente corrispondenti alle esigenze della società e di ipotizzare una nuova visione della Salute comprendendola all’interno di un paradigma bio-psico-socio-ambientale. La riprogettazione diventa così risposta alle domande: quale visione per il futuro? Quale la direzione da prendere? È indubbio che, quale che sia la risposta, essa non possa prescindere da una condivisione di sforzi e intenti, nonché di confronto di idee, recuperando così una dimensione di apertura e coinvolgimenti reciproci, possibili se alla base si ripristina ciò che è fondante le relazioni, la fiducia.

In questo scenario risultano strategiche due funzioni: una gestione delle Risorse Umane che intercetti i cambiamenti in essere e trovi approcci e strumenti funzionali adeguati per questa fase storica. Cruciali risultano anche le funzioni dei responsabili e dei coordinatori, affinché si verifichi una efficace trasduzione che trasmetta coerenza e non frammentazione dal vertice fino alla base. Al convegno è stato infatti affrontato anche il tema della leadership.
Contemporaneamente appaiono carenti funzioni di integrazione tra servizi, anche in questo senso il CRRCR può fornire un aiuto proprio per il suo approccio sistemico e la facilitazione delle relazioni.

In Evidenza

Si informano i lettori di Toscana Medica che sarà di prossima pubblicazione un forum dal titolo “LA FRAGILITA’ OSSEA: UN PROBLEMA CHE POSSIAMO AFFRONTARE MEGLIO”. Si ringrazia la

lilly

per il proprio contributo non condizionante.

Invia un articolo

INVIA UN ARTICOLO

Scarica PDFSCARICA LA VERSIONE PDF DEI BOLLETTINI MENSILI

CERCA ARTICOLI

newsACCEDI AL NOTIZIARIO

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.