Gambero Italia

Gavino Maciocco di sanità pub-blica. Ha fatto: il volontario civile in Africa, il medico di famiglia, l’esperto di cooperazione sanitaria per il Ministero degli Esteri, il dirigente di Asl. Attualmente insegna all’Università di Firenze, dove si occupa di cure primarie e di sistemi sanitari internazionali. Dal 2003 cura per Toscana medica la rubrica “Sanità nel mondo”. Dipartimento di medicina sperimentale e clinica, Università di Firenze. Direttore del sito web “www.saluteinternazionale.info”.

Gavino MacioccoDa quando è iniziata la crisi e sono state introdotte le politiche di austerità i sistemi sanitari che hanno maggiormente sofferto sono quelli universalistici, modello Beveridge, 
basati cioè su un assicuratore unico e pubblico – single-payer, come quelli britannico, italiano e spagnolo. Ma - come hanno scritto Martin McKee e David Stuckler1 – la crisi è stata l’occasione, il pretesto per dare una spallata al sistema. Come è successo in Spagna, dove nell’aprile del 2012 con un decreto reale il sistema universalistico basato sulla fiscalità generale è stato sostituito con un sistema assicurativo2. Come sta succedendo in Inghilterra e in Italia. Si parte dal definanziamento del servizio pubblico, se ne riduce l’efficienza, si allungano le liste di attesa, si innalzano i ticket. Una crescente parte degli assistiti è costretta a pagare per ricevere una prestazione sanitaria, una parte rinuncia a curarsi, altri ancora si muniscono di un’assicurazione privata.

Perché tanto accanimento contro i sistemi sanitari single-payer? Sono forse i più costosi, i più insostenibili (per usare un termine molto di moda)? Vediamo allora la classifica del costo dei sistemi sanitari.

Nella classifica dei sistemi sanitari più costosi, è ben noto che gli USA occupano stabilmente da decenni la posizione più alta, con una spesa sanitaria che rappresenta il 16,4% del PIL e con una spesa sanitaria pro-capite di 8.713 dollari. I gradini più bassi del podio dei sistemi sanitari “ricchi” sono occupati da Svizzera (11,1% del PIL e 6,325 $ procapite) e Olanda (11,1% del PIL e 5,862 $ procapite). L’Italia è molto distanziata dai primi: 8,8% del PIL e 3.017 $ procapite.

I motivi dell’eccessiva spesa sanitaria USA sono stati ampiamente studiati e si possono riassumere nei seguenti punti3 : la frammentazione del sistema in una miriade di assicurazioni e di provider; l’uso, spesso inappropriato,  di alte tecnologie;  l’eccessiva enfasi riposta sulle specialità e lo scarso ricorso ai servizi di cure primarie; gli alti prezzi dei farmaci e le alte tariffe delle prestazioni sanitarie; gli esorbitanti  costi delle attività amministrative; l’eccesso di morbosità nella popolazione USA (obesità, diabete, etc). Svizzera e Olanda, che hanno il pregio, a differenza degli USA, di avere un sistema sanitario universalistico e solidale, condividono con la nazione a stelle e strisce alcune caratteristiche: un sistema assicurativo privato frammentato e altamente competitivo, un forte carico di attività amministrative (marketing compreso), l’ampio ricorso al pagamento a prestazione (fee-for-service) come metodo di remunerazione dei professionisti.

Va notato che tra i 10 paesi che, dopo gli USA, spendono di più per l’assistenza sanitaria in rapporto al PIL (oltre il 10%) ben 7 appartengono al modello Bismarck (sistemi universalistici basati su una molteplicità di assicurazioni private o sociali, a seconda dei paesi) – Svizzera, Olanda, Germania, Francia, Giappone, Belgio e Austria – e solo 3 al modello Beveridge (sistemi universalistici basati su un assicuratore unico e pubblico – 
single-payer) – Svezia, Danimarca e Canada -.

Per completare il quadro, va infine osservato che complessivamente la maggioranza dei sistemi sanitari Beveridge – dall’Australia all’Islanda, dall’Italia al Regno Unito e all’Irlanda – si trovano nelle retrovie della classifica della spesa sanitaria rispetto al PIL, al di sotto della media OCSE. 
A conferma della tesi che i sistemi sanitari single-payer sono più economici e sostenibili di quelli basati sul mercato assicurativo, e anche con migliori risultati di salute, vedi speranza di vita alla nascita e mortalità evitabile.

Inaspettatamente il tema del sistema sanitario single-payer ha fatto irruzione nella campagna elettorale americana, in particolare nelle elezioni primarie in campo democratico, che oppongono l’inossidabile Hillary Clinton all’outsider Bernie Sanders. Quest’ultimo infatti sta conducendo una battaglia a favore di un’assicurazione sanitaria unica, single-payer appunto, magari estendendo a tutti i benefici di Medicare (l’attuale assicurazione pubblica a tutela della popolazione anziana), raccogliendo un alto consenso proprio su questo punto (Medicare for All) tra l’elettorato democratico.

La rivista New England Journal of 
Medicine dedica un lungo articolo al rilancio del tema “single-payer” in sanità4. Un tema che è emerso più volte nella storia della politica sanitaria americana, e altrettante volte è stato affossato dall’invincibile armata della lobby delle assicurazioni. Per la prima volta subito dopo la seconda guerra mondiale, nel 1945, da parte del Presidente democratico Truman, poi negli anni 70 con la proposta del senatore Ted Kennedy, infine lo stesso Obama con la sua proposta di riforma sanitaria aveva previsto l’istituzione di un’assicurazione pubblica (public option) che sarebbe entrata in competizione con le assicurazioni private. Questo progetto fu affossato per la feroce opposizione della lobby assicurativa che influenzò non solo i parlamentari repubblicani (operazione scontata), ma anche una parte di quelli democratici (operazione meno scontata). Alla fine Obama, in minoranza, dovette rinunciare a quel progetto che la lobby assicurativa temeva più di ogni altra cosa, considerandolo una sorta di cavallo di troia, come l’anticamera di un sistema sanitario single-payer.

“In un paese dove circa 30 milioni di persone sono prive di assicurazione – si legge nell’articolo del NEJM -, dove le assicurazioni sono sempre più avare a causa dei crescenti livelli di franchigia e di co-pagamenti, dove anche i pazienti assicurati possono andare incontro a enormi spese e al rischio di bancarotta familiare, dove una miriade di assicurazioni e di differenti sistemi di pagamento genera una strabiliante complessità, e dove il denaro è speso più nell’amministrazione che nella cura delle malattie cardiache e nel cancro, non deve sorprendere di udire la richiesta di un cambiamento radicale.” Poiché Bernie Sanders mette di continuo a confronto il modello USA con quello single-payer canadese, l’autore aggiunge: “ Le lezioni che vengono dal sistema sanitario canadese sono tanto chiare, quanto poco considerate. Avere un’unica assicurazione governativa riduce enormemente i costi amministrativi e la complessità. Concentra il potere di acquisto riducendo i prezzi, consente un controllo di bilancio sulla spesa sanitaria e garantisce a tutti i residenti – indipendentemente dall’età, dallo stato di salute, dal reddito e dall’occupazione – una copertura per i servizi sanitari essenziali. Medicare (questo il nome dell’assicurazione pubblica canadese) non impone né franchigie, né ticket agli assistiti. L’esperienza canadese dimostra che Il controllo della spesa non richiede la partecipazione alla spesa dei pazienti. Il sistema canadese non è certo perfetto. Come tutti i paesi deve fare i conti con le tensioni che riguardano i costi, l’accesso ai servizi e la qualità delle cure. Attualmente il Canada è alle prese con la pressione fiscale, le liste di attesa e le rimostranze del pubblico. Tutto ciò tuttavia impallidisce rispetto ai problemi degli USA.”

Figura

 

Contro “Medicare for All”, proposto da Bernie Sanders, si è schierato l’intero fronte anti single-payer, dalle assicurazioni all’industria biomedica, e alla fine anche Hillary Clinton, che dapprima si era dichiarata possibilista, si è schierata apertamente contro, dichiarando la proposta “unrealistic”. Il cambiamento di rotta (la Clinton in passato era stata una sostenitrice del modello single-payer) è motivato, secondo alcuni, dalla massa di finanziamenti ricevuti da parte dell’industria sanitaria per la sua campagna elettorale5.

La Figura sopra mostra il divario, o meglio l’abisso, che separa i sistemi sanitari single-payer (la Spagna non più..) da quelli basati sulle assicurazioni riguardo alla spesa sanitaria pubblica (quella cioè pagata da cittadini e imprese sotto forma di tasse o di contributi) come percentuale del PIL. Il divario, o meglio l’abisso, è di circa due punti % di PIL. Significa, ad esempio, che se l’Italia avesse la stessa percentuale della Francia la sua spesa sanitaria pubblica passerebbe dagli attuali 111 miliardi di euro agli oltre 130 miliardi di euro.

E la situazione è destinata a peggiorare. John Appleby del King’s Fund prevede per l’Inghilterra che la spesa sanitaria pubblica come % del PIL si riduca fino al 6,6% nel 20206 . La politica del gambero vale anche per l’Italia dove il recente Documento di Economia e Finanza ha stabilito che la spesa sanitaria pubblica come % del PIL si riduca fino al 6,5% nel 20197.

Insomma, il fronte anti single-payer sembra averla vinta. Del resto bisognava preparare il campo – cioè svuotarlo da una forte presenza del settore sanitario pubblico - in vista della possibile approvazione del TTIP8 910, il trattato che consentirà lo sbarco in Europa dell’industria sanitaria e assicurativa americana.

 

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

In Evidenza

Si informano i lettori di Toscana Medica che sarà di prossima pubblicazione un forum dal titolo “LA FRAGILITA’ OSSEA: UN PROBLEMA CHE POSSIAMO AFFRONTARE MEGLIO”. Si ringrazia la

lilly

per il proprio contributo non condizionante.

Invia un articolo

INVIA UN ARTICOLO

Scarica PDFSCARICA LA VERSIONE PDF DEI BOLLETTINI MENSILI

CERCA ARTICOLI

newsACCEDI AL NOTIZIARIO

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.