Che lavoro fai?

Francesco Carnevale - Edizioni Polistampa

Francesco Carnevale prosegue nel suo approfondimento culturale sulla storia della medicina del lavoro con questa ulteriore, importante fatica dedicata all’opera di Bernardino Ramazzini. Ormai il lascito del grande medico carpigiano è entrato nel lessico di tutti i medici in ogni parte del mondo e la domanda: che lavoro fai, è parte integrante di qualsiasi anamnesi. Le edizioni delle sue opere, in particolare la maggiore, “De morbis artificum”, sono molte e le massime questioni interpretative quasi risolte. Mancava tuttavia un commento ragionato sulle principali affermazioni scientifiche e sociali che sostanziano quest’opera, certamente la maggiore del medico e scienziato nonché finissimo letterato emiliano, una mente che occupa un posto tra i maggiori nella storia della medicina moderna. Il voluminoso e documentatissimo testo di Carnevale supplisce magnificamente a questa mancanza mediante queste “Annotazioni al trattato delle malattie dei lavoratori” pubblicate da Edizioni Polistampa nella collana della Biblioteca di Medicina e Storia del Centro fiorentino di Documentazione della Sanità. Dopo una vasta introduzione seguono i capitoli del testo latino opportunamente tradotti e commentati; conclude un notevole apparato critico e un avvincente saggio di Roberta Turchi “sull’umano sguardo di un medico letterato” che affronta l’opera ramazziniana dal punto di vista della partecipazione umana e della bellezza narrativa. In conclusione, a prima vista si può essere colpiti dalla estensione critica del tomo, ma la lettura, che può seguire il filo logico o gli interessi del lettore, rivela tutto il suo fascino e la sua importanza scientifica e sociale. Un testo quindi che consente di avvicinarsi al meglio a una delle più grandi opere della letteratura medica, un’opera che ha segnato una tappa fondamentale nel progresso della scienza e della pratica.
Antonio Panti

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.