Sviluppo Sostenibile e Governance

Daniele Dionisio  Membro dell’European Parliament Working Group on Innovation, Access to Medicines and Poverty-Related Diseases, Responsabile del Progetto Policies for Equitable Access to Health -PEAH http://www.peah.it/


Sintesi dell’articolo originale pubblicato in Intellectual Property Watch September 24, 2015
http://www.ip-watch.org/2015/09/24/un-sdgs-need-u-turn-on-governance-for-health/

Daniele DionisioL’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, adottata dalle Nazioni Unite nel settembre 2015, difficilmente centrerà l’obiettivo “Salute” a meno di svolte radicali dei governi per correggere le disfunzioni che minano l’accesso.

Nel panorama mondiale odierno, lacerato da scollamenti, discordie ed attriti fra le parti, le radici delle iniquità e disuguaglianze nel campo della salute sono iscritte nelle disfunzioni proprie degli ambiti “politici” nazionali e sovranazionali. Tra queste: fiacca coscienza democratica, debole spirito di responsabilità, rigidità istituzionali, carenza di strutture, e spazi ristretti per politiche di salute a sincera difesa dei deboli.

Questo contesto implica che soluzioni non discriminatorie per la salute globale dipendono unicamente dalla volontà politica di esercitare equità, coerenza, coordinamento, collaborazione, trasparenza e responsabilità a livello nazionale e internazionale.

Purtroppo, gli accordi commerciali e le direzioni governative nello scenario corrente, largamente da parte di Unione Europea e Stati Uniti d’America, marciano all’opposto convertendo la protezione della proprietà intellettuale in politiche sbilanciate a favore di interessi di monopolio. Il tutto a spese dell’accesso equo alle cure e all’assistenza delle popolazioni a risorse limitate.

E poiché gli incentivi del sistema brevettuale vigente si fondano sui profitti, intesi come ritorni celeri e cospicui nelle tasche degli azionisti, i Paesi a più basso reddito privi di lucrabili mercati farmaceutici risultano oltremodo discriminati.

Tutto questo altro non significa che il fallimento delle attuali politiche per la salute globale, come tristemente rappresentato, giusto ad esempio, dal mal gestito contenimento della recente epidemia di Ebola.

Nel frattempo, la Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile è stata adottata lo scorso settembre dalle Nazioni Unite. Centrata su 17 Goals per lo Sviluppo Sostenibile (SDGs), con 169 obiettivi strutturali, l’Agenda vuol essere …un documento programmatico per le popolazioni ed il pianeta nel ventunesimo secolo. Essa stimolerà all’azione nei prossimi 15 anni in settori critici per la costruzione di un mondo più equo e sostenibile per tutti…

Come evidenziato, …..nell’Agenda la salute occupa un posto di assoluto rilievo tra gli altri 16 SDGs e include nove obiettivi: tre correlati ai Millennium Development Goals (MDGs), tre a lesioni e patologie non trasmissibili, e tre trasversalmente mirati a copertura sanitaria universale (UHC), accesso ai servizi per la salute sessuale e riproduttiva, riduzione dell’inquinamento ambientale delle acque, dell’aria e del suolo.

Il Goal salute si embrica con molti degli altri 16 SDGs. Ad esempio, la salute contribuisce (traendone reciproco vantaggio) alla riduzione della povertà, al sollievo dalla fame, al miglioramento della nutrizione, alla sicurezza urbana, all’abbattimento delle disuguaglianze, alla sostenibilità dei consumi, all’accesso ad energia pulita, acqua potabile e igiene pubblica, alla appropriata gestione delle sostanze tossiche, e agli sforzi per il controllo delle mutazioni climatiche e la salvaguardia degli ecosistemi aerei, acquatici e terrestri.

Cosa possiamo ragionevolmente aspettarci dall’Agenda a fronte degli scenari sopra accennati?

La speranza del facile conseguimento di goals per la salute onnicomprensivi e non discriminatori è difficilmente credibile con il carico di problematiche irrisolte ancora sul tavolo. Come asserito …Conseguire equità in salute non dipende solo da soluzioni tecniche e dal loro finanziamento. Dobbiamo considerare il panorama politico e correggere le disfunzioni della “governance” globale che minano la salute….
Ammettiamolo, i governi dei Paesi ricchi non sembrano oggi pronti ad impegnarsi per la correzione di queste disfunzioni quale occasione propizia per collocare stabilmente la salute pubblica al di sopra degli interessi politici e commerciali.

Conseguentemente, il completo successo dei nuovi SDGs può solo scaturire dalla pressione continua di coalizioni non governative su scala mondiale per indurre i governi a svolte radicali attraverso misure condivise. Tra l’altro e irrinunciabilmente, queste dovrebbero includere che le istituzioni e organizzazioni leader collaborino di più e meglio con i ministeri per la salute per rafforzare i sistemi nazionali, investire nelle infrastrutture, creare maggiore trasparenza e responsabilità, e dar vita a regole più attente ai bisogni di salute che alle logiche di mercato.
Questo implica che negoziati a porte chiuse devono essere banditi e che modelli partecipativi multi-settoriali devono essere adottati per decisioni gravanti su salute pubblica, crescita, impiego e bilanci nazionali.

 

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

UN SDGs Need U-Turn On Governance For Health
http://www.ip-watch.org/2015/09/24/un-sdgs-need-u-turn-on-governance-for-health/

Say goodbye to capitalism: welcome to the Republic of Wellbeing
http://www.theguardian.com/sustainable-business/2015/sep/02/say-goodbye-to-capitalism-welcome-to-the-republic-of-wellbeing

An Ambitious Development Agenda From the U.N.
http://www.nytimes.com/2015/09/28/opinion/an-ambitious-development-agenda-from-the-un.html?_r=0

Unsustainable Development Goals: Are 222 indicators too many?
http://www.irinnews.org/report/102238/unsustainable-development-goals-are-222-indicators-too-many

Ensuring That the Sustainable Development Goals Are Not a Missed Opportunity
http://www.huffingtonpost.com/douglas-beal/ensuring-that-the-sustain_b_8256394.html

5 tools to help businesses tackle the SDGs
https://www.devex.com/news/5-tools-to-help-businesses-tackle-the-sdgs-87118

UN Agency: Sustainable Development Requires Altering The World’s Financial System
http://www.huffingtonpost.com/entry/financial-system-for-sustainable-development_5616c329e4b0082030a1a2b4

SDGs: A doorway to substantial change for people with disabilities?
https://www.devex.com/news/sdgs-a-doorway-to-substantial-change-for-people-with-disabilities-86986

The missing SDG indicators: Accelerating gender equality and empowerment
https://www.devex.com/news/the-missing-sdg-indicators-accelerating-gender-equality-and-empowerment-86995

Sustainable development goals promise little respite for indebted poor countries
http://www.theguardian.com/global-development/2015/sep/23/sustainable-development-goals-debt-relief-poor-countries-ghana

What the U.N.’s New Development Goals Mean for Africa
http://time.com/4052700/un-sustainable-development-goals-africa/

The UN’s development goals require another step first: universal healthcare
http://www.theguardian.com/commentisfree/2015/sep/29/universal-health-care-coverage-fundamental-development-united-nations

What, Really, Does ‘Sustainable’ Mean?
http://www.npr.org/sections/goatsandsoda/2015/09/23/442580821/what-really-does-sustainable-mean

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.