careggi in prima linea nell’autopsia virtuale

Il 9 marzo scorso il primo caso di autopsia virtuale. L’AOU Careggi è in prima linea nell’uso delle nuove tecnologie anche per condurre i riscontri autoptici. Un nuovo e importante progetto, che  nasce per iniziativa del Prof. Giancarlo Berni, scomparso nel giugno scorso, già Direttore del DEA di Careggi, che propose all'Ente Cassa di Risparmio di Firenze il finanziamento dell'opera, è stato realizzato dalla Direzione Aziendale dell' AOU, con la diretta collaborazione di molti dei Direttori delle Divisioni e degli Istituti: il Prof. Stefano Colagrande,  il Dr. Vittorio Miele, il Prof. Gian Aristide Norelli, il Prof. Gian Luigi Taddei.  Grazie all'opera di tutti questi attori, da oggi Firenze può condurre i riscontri autoptici  con le tecniche di imaging avanzato e mininvasivo. Il primo riscontro virtuale, il 9 marzo scorso, ha riguardato due pazienti deceduti per ustioni gravissime, per i quali l'Autorità Giudiziaria ne ha disposto l'attuazione.  Da questo momento in poi le potenzialità di macchinari così avanzati ideati per la diagnosi in vivo verranno quotidianamente utilizzate per la diagnostica post mortem, ottenendo dati  indispensabili tanto alla società, per confermare  la verità clinica,  quanto alla comunità scientifica, per confermare la verità scientifica. A pochi giorni dall’inaugurazione del nuovo Pronto Soccorso di Careggi, l’Azienda riesce a sorprendere i fiorentini: dall’anatomia di Leonardo all’anatomia virtuale. Il segreto: l’innovazione nella tradizione.

In Evidenza

Si informano i lettori di Toscana Medica che sarà di prossima pubblicazione un forum dal titolo “LA FRAGILITA’ OSSEA: UN PROBLEMA CHE POSSIAMO AFFRONTARE MEGLIO”. Si ringrazia la

lilly

per il proprio contributo non condizionante.

Invia un articolo

INVIA UN ARTICOLO

Scarica PDFSCARICA LA VERSIONE PDF DEI BOLLETTINI MENSILI

CERCA ARTICOLI

newsACCEDI AL NOTIZIARIO

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.