ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO 2018: L’IMPEGNO DEL RUSSELL NEWTON DI SCANDICCI

Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro 2018 ha visto impegnato anche il nostro Ordine che in più occasioni ha ospitato tantissimi giovani alla scoperta di temi e problematiche legate a numerose istanze della medicina moderna. In questi incontri i ragazzi, opportunamente preparati e supportati dai propri insegnanti, hanno potuto chiarirsi le idee su argomenti di grande attualità (ad esempio, il mondo complesso delle dipendenze o l’accoglienza ai migranti), magari riuscendo a ricavare anche qualche importante informazione per indirizzare il proprio futuro in senso “medico”.
Al termine di questa esperienza l’Istituto Statale di Istruzione Superiore Tecnica e Liceale Russell Newton di Scandicci ha pubblicato un garbatissimo librettino in cui 25 ragazzi delle classi III e IV hanno raccolto e organizzato le informazioni ricevute e, secondo le parole della dirigente scolastica, “scoperto le proprie potenzialità, sperimentato l’importanza della correttezza dei dati nella divulgazione scientifica, individuato nell’informazione un cardine della cittadinanza attiva”.
Sulla copertina di DOCumentiamoci sono riportati alcuni concetti ben conosciuti dai medici, che adesso fanno parte anche del bagaglio culturale di questo gruppo di preparatissimi studenti: infezioni, medicina narrativa, vaccini, sepsi, antibiotici, ognuno ben spiegato all’interno della pubblicazione in maniera vivace e accattivante. Veniamo pertanto a sapere che ragazzi di 17-18 anni si sono confrontati con concetti come gli “antibiotici batteriostatici o battericidi”, il “curare e il prendersi cura”, i “vaccini vivi attenuati”, le “infezioni da prioni”, l’“eradicazione del vaiolo”. Nell’ultima pagina un elenco illuminante (per i medici) di desideri, raccolto sotto il titolo Il medico che vorrei, quello cioè che “si mostra interessato alla tua situazione personale, ti spiega ciò che vuoi conoscere dei tuoi sintomi e della tua malattia, ti aiuta a gestire le emozioni che la malattia ti genera, ti rende semplice il parlare dei tuoi problemi, ti ascolta, ti visita, ti coinvolge nelle decisioni, ti prepara a quello che devi aspettarti dalla visita specialistica o dal ricovero in ospedale, ti spiega le ragioni per cui deve essere fatto un esame o un ricovero ospedaliero, si ricorda di ciò di cui avete parlato la volta precedente, ti aiuta a capire perché dovresti seguire le sue prescrizioni”.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.