SUICIDI: LA SITUAZIONE NEI PAESI UE

Secondo Eurostat nel 2015 nei Paesi UE sono morte circa 5.200.000 persone, l’1.1% delle quali è ricorsa al cosiddetto autolesionismo intenzionale, vale a dire al suicidio, con una netta superiorità per gli uomini (8 su 10) e una classe di età compresa nel 31% dei casi tra i 45 e i 60 anni. Questa particolare classifica in termini assoluti vede al primo posto la Germania (10.200 morti), seguita da Francia (9.200), Polonia (5.400), Gran Bretagna (4.700), Italia (4.000) e Spagna (3.600).
Adattando però i dati raccolti alla demografia di ogni singolo Stato, vediamo che la Lituania ha presentato il maggior tasso di suicidi, seguita da Slovenia, Lettonia, Ungheria, Belgio, Croazia e Estonia. I Paesi più “virtuosi” sono risultati Cipro, Grecia, Italia, Gran Bretagna, Spagna e Malta.

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.