Biosimilari, i costi della situazione in italia

Stampa

Da qui al 2022 sette biosimilari, il cui valore di mercato è stimato in circa un miliardo di Euro, perderanno la copertura brevettuale. I dati riportati da AssoGenerici dicono che nei primi sei mesi del 2018 i dieci biosimilari presenti sul mercato italiano (epoetine, filgrastim, somatotropina, follitropina alfa, infliximab, insulina glargine, etanercept, rituximab, enoxaparina, insulina lispro) hanno inciso per il 12% del consumo nazionale contro l’88 dei corrispondenti originator. Risparmi significativi sono attesi nei prossimi anni.

Tags:

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.