L’ordine a fianco dei colleghi volontari

Stampa

L’Ordine dei Medici di Firenze sostiene convintamente i valori universalistici di equità, di pari diritti e di lotta alle disuguaglianze nell’accesso ai servizi sanitari contenuti nel Giuramento Professionale, soprattutto a tutela delle fasce più deboli della popolazione, particolarmente esposte ai rischi di marginalizzazione.

In quest’ottica, l’Ordine apprezza l’impegno dei medici che prestano la propria opera gratuitamente e volontaristicamente presso organizzazioni no-profit, mettendo a disposizione in maniera disinteressata la propria professionalità a vantaggio di chi ne ha più bisogno e che di fatto non avrebbe altre opportunità di assistenza.

Pertanto, fermo restando il doveroso rispetto dell’art. 54 comma 4 del Codice di Deontologia Medica, l’Ordine dei Medici assicura il proprio sostegno a tutte le attività e a tutte le iniziative “pro bono” finalizzate alla concreta attuazione dei principi solidaristici di cui sopra, che sono alla base dell’effettivo esercizio del diritto alla salute e all’accesso alle cure.

Art. 54 del Codice Deontologico – comma 4

Il medico può prestare gratuitamente la propria opera purché tale comportamento non costituisca concorrenza sleale o sia finalizzato a indebito accaparramento di clientela.

Tags:

Il nostro sito utilizza i cookies per offrirti un servizio migliore.

Se vuoi saperne di più o avere istruzioni dettagliate su come disabilitare l'uso dei cookies puoi leggere l'informativa estesa

Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o cliccando su Accetto, presti il consenso all’uso di tutti i cookies.