Assoluzione della corte dei conti per i medici che hanno prescritto farmaci violando le indicazioni terapeutiche

É successo in Campania.

Cinque medici di famiglia di Avellino che avevano prescritto a carico del Servizio Sanitario farmaci senza tenere conto delle relative indicazioni terapeutiche e che per questo erano stati denunciati, sono stati assolti dalla Corte dei Conti.

Nella sentenza, tra l’altro, si legge: “nella giurisprudenza contabile risulta ormai pacifico che, affinché il medico possa assistere il paziente al meglio delle sue capacità professionali, deve essere riconosciuto un margine di discrezionalità nella gestione della discrepanza che si può talora verificare tra le condizioni cliniche, la tollerabilità ai trattamenti e le potenziali interazioni farmacologiche secondo le caratteristiche del singolo paziente”. Ed ancora, per quantificare un eventuale danno erariale occorre analizzare le “singole prescrizioni in rapporto alle patologie da curare”.

Si tratta di una sentenza di indubbia importanza che non poteva non venire accolta favorevolmente dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.